Eventi a Vigevano:

Dal 03-07-2022 al 03-07-2022
THE EXPLORERS

Vedi tutti

Grazie a

Cerca nel sito

Cerca telefono

cognome o nome azienda

Videonews


23/05/2022 12:12
Circa 500 domande arrivate a fronte di una trentina alloggi popolari messi a disposizione. Si è chiuso venerdì scorso il nuovo bando del comune per le assegnazioni e questi sono i numeri drammatici di un’emergenza senza fine per la città di Pavia. La verità, altrettanto drammatica, è che i dati non si discostano dal bando di un anno fa.

Delle nuove abitazioni messe a disposizione, nello specifico, 20 appartengono al Comune di Pavia e le restanti 11 ad Aler. L’opera di recupero e di ristrutturazione delle case popolari procede ma non con la velocità necessaria per poter rispondere in modo puntuale all’emergenza crescente del capoluogo. Ed è forte la preoccupazione dell’Assemblea per il Diritto alla Casa, sempre in prima linea per aiutare le famiglie in difficoltà.

Le colpe per l’ Assemblea per il Diritto alla Casa sono sia di Comune che di Aler: le graduatorie, del resto, sono intasate, e ancora troppe famiglie sono in attesa di un alloggio. Il Mezzabarba vorrebbe trasferire la gestione amministrativa proprio ad Aler di tutte le sue case popolari.

Una proposta che è stata inserita nella variazione di bilancio e che dovrà essere discussa in consiglio comunale. Si parla, nello specifico, di 843 alloggi in totale. Va inoltre ricordato che molte delle famiglie che hanno presentato domanda all’ultimo bando sono sotto sfratto se non addirittura già sfrattate.

Un’emergenza a 360 gradi per cui gli uomini e le donne dell’Assemblea sono pronti a mettere in campo nuove iniziative già a partire dai prossimi giorni. Quel che è certo, almeno per il momento, è che per un nuovo bando le famiglie senza un alloggio dovranno attendere il prossimo autunno.